SUBACQUEA: DALLA RICREATIVA ALLA TECNICA
  Il secondo stadio
 

IL SECONDO STADIO

 
IL SECONDO STADIO
Generalmente è realizzato in tecnopolimeri, spesso rinforzati con fibre di vetro, ma alcuni modelli sono realizzati in ottone cromato, con un gusto retró che piace tanto. Varie possono essere le forme e in alcuni casi l'erogatore può essere usato sia a destra sia a sinistra. In altri, per trasformarlo in "sinistro", quando è possibile, bisogna smontarlo e sostituire qualche pezzo. Nella zona anteriore del coperchio (può essere anche laterale) è situato il pulsante per l'erogazione manuale. Le valvole di scarico, dal cui diametro, forma e disposizione dipende lo sforzo espiratorio, possono essere singole o doppie, circolari oppure ovali. La presenza di più valvole non significa che lo sforzo espiratorio sia minore, dato che ciò dipende più dal loro diametro, forma e disposizione. Alcuni modelli hanno la possibilità di regolazioni azionabili in immersione. Generalmente, un pomolo girevole, posto a una estremità della cassa, indurisce o meno la molla che tiene chiusa la valvola del 2° stadio. Più questa è allentata, minore è lo sforzo inspiratorio, fino a giungere su alcuni modelli all'autoerogazione. Il vantaggio è di poter avere un erogatore tarato alla perfezione e di indurire lo sforzo, quando lo si usa in superficie, in piscina, come erogatore di scorta o in presenza di corrente contraria. I valori dello sforzo inspiratorio ed espiratorio si misurano il millibar. Le severe norme europee prevedono sforzi inspiratori ed espiratori massimi, a 50 metri e con solo 50 bar nella bombola, di 25 millibar. Anche l'effetto Venturi può essere regolato (quella specie di "iniezione" d'aria convogliata direttamente nel boccaglio, che aumenta le prestazioni dell'erogatore). Ridurre l'effetto Venturi è utile soprattutto nelle prime fasi dell'immersione, tanto che alcuni modelli hanno solo le due regolazioni estreme, "dive e pre-dive". La portata d'aria del 2° stadio per un erogatore omologato CE deve essere tale da permettere a 50 metri di profondità e con solo 50 bar nella bombola, di effettuare 25 atti respiratori al minuto di 2.5 litri, senza eccedere i succitati sforzi respiratori.







                                          Valvola DownStream
 
  Oggi ci sono stati già 7 visitatori (25 hits) qui!
 

. . H2O Scuola d'Immersione
 
 
=> Vuoi anche tu una pagina web gratis? Clicca qui! <=