SUBACQUEA: DALLA RICREATIVA ALLA TECNICA
  IL primo stadio
 

IL PRIMO STADIO

 
IL PRIMO STADIO
Può essere a pistone o a membrana, bilanciato oppure no. I sistemi a pistone sono molto semplici, hanno pochi pezzi e richiedono in genere una scarsa manutenzione. L'acqua penetra all'interno dell'erogatore, ma il pistone e la molla sono realizzati in materiali resistenti alla corrosione. Questo sistema ha un costo costruttivo contenuto, una particolare robustezza e costi di manutenzione contenuti. Purtroppo il contatto con l'acqua, in certe circostanze, può usurare precocemente sia l'erogatore sia le guarnizioni (acqua particolarmente ricca di sospensione o di calcare) o portare alla formazione di cristalli di ghiaccio in situazioni climatiche molto rigide, anche se esistono appositi kit antifreeze. I primi stadi a membrana sono invece isolati dall'acqua e non hanno problemi anche in condizioni estreme. Tuttavia, sono composti da più pezzi, alcuni piuttosto piccoli. Le parti interne non sono progettate per venire a contatto con l'acqua di mare e un accidentale ingresso d'acqua nell'erogatore (se per esempio si dimentica di mettere il tappo di protezione sul filtro sinterizzato) richiede una revisione. La portata d'aria dei due sistemi è comunque idonea in entrambi i casi per alimentare nel migliore dei modi il secondo stadio. Viene espressa in litri/minuto e varia da 1200 a 2800 l/min, misurati in superficie. Sono dati non sempre significativi, poiché andrebbero rilevati in profondità, tuttavia danno una certa idea della portata d'aria dell'erogatore. Le prestazioni finali, comunque, dipendono solo in parte dall'aria fornita dal 1° stadio. Sia gli erogatori a pistone sia quelli a membrana possono essere bilanciati o no. I primi stadi bilanciati devono fornire la stessa pressione intermedia indipendentemente dalla pressione d'aria nella bombola e mantenere le prestazioni prescindendo dalla profondità, quelli non bilanciati sono studiati espressamente per le quote sportive, lamentando solo un certo abbassamento della pressione intermedia (e quindi un aumento dello sforzo inspiratorio), quando l'aria nelle bombole scende ai minimi valori. Quelli bilanciati non hanno questi problemi e i valori di pressione intermedia sono gli stessi qualunque sia quella d'aria nelle bombole. Un primo stadio ha un certo numero di uscite di bassa pressione per montare il 2° stadio di riserva, la frusta del gav e della muta stagna. Le uscite di alta pressione sono in genere 2, per montare il manometro a destra o a sinistra. La staffa di attacco del 1° stadio può essere internazionale oppure DIN (più sicuro poiché scongiura la possibilità che l'OR esca dalla sede, ma la rubinetteria della bombola dev'essere predisposta). Il filtro sinterizzato può essere piano o conico; quest'ultimo è da preferire poiché ha una superficie filtrante maggiore.



IL PRIMO STADIO
Attacco a Din









                                                     Il Secondo Stadio



 
  Oggi ci sono stati già 5 visitatori (33 hits) qui!
 

. . H2O Scuola d'Immersione
 
 
=> Vuoi anche tu una pagina web gratis? Clicca qui! <=